giovedì 26 gennaio 2017

Sneak Peek Special: Giornata della memoria 2017!


Rubrica mensile interamente dedicata alle novità che ci attendono in libreria



Buongiorno lettrici e lettori, oggi un nuovo appuntamento con la rubrica dedicata alle uscite in libreria!
Il post di oggi non è affatto casuale, nel senso che la mia memoria funziona ancora bene quindi non ho dimenticato di segnalarvi delle uscite, ma ho deciso di selezionarne ulteriori quattro che, alla vigilia della Giornata della Memoria, che si celebrerà domani 27 Gennaio 2017, sono incentrate proprio su quella pagina della storia che tutti noi vorremmo cancellare ma che pure fa parte del nostro passato. Quest'anno, dopo un paio di anni, ho anche deciso di affrontare una lettura "per non dimenticare" e della quale troverete la recensione proprio domani.

Non voglio dilungarmi oltre per cui passerei alle segnalazioni. Vero è che per molti i libri su tale argomento hanno solo una valenza commerciale, tuttavia queste uscite sono quelle che mi hanno particolarmente colpita e che io per prima leggerei.


In libreria dal 12 Gennaio


Trama:


Dicembre 1944. I tedeschi stanno arrivando. Il prete di Stoumont, nelle Ardenne, ha un'unica preoccupazione: mettere in salvo Renée, un'orfana ebrea nascosta nella canonica. E, d'un tratto, il miracolo: una camionetta con due soldati americani si ferma davanti alla chiesa e lui, di slancio, affida a loro la piccola. Ma quei due soldati hanno solo le divise americane: infatti si chiamano Hans e Mathias e sono spie tedesche. Arrivati in una radura, Hans prende la pistola e spinge la bambina in avanti, in mezzo alla neve. Renée sa che sta per morire, ma non ha paura. Il suo sguardo va oltre Hans e si appunta su Mathias. È uno sguardo profondo, coraggioso. Lo sguardo di chi ha visto tutto e non teme più nulla. Mathias alza la pistola. E spara. Ma è Hans a morire nella neve, con un lampo d'incredulità negli occhi. Davanti a Mathias e Renée c'è solo la guerra, una guerra in cui ormai è impossibile per loro distinguere amici e nemici. E i due cammineranno insieme dentro quella guerra, verso una salvezza che sembra di giorno in giorno più inafferrabile. Incontreranno persone generose e feroci, amorevoli e crudeli. Ma, soprattutto, scopriranno che il loro legame - il legame tra un soldato del Reich e una bambina ebrea - è l'unica cosa che può dar loro la speranza di rimanere vivi.




In libreria dal 17 Gennaio


Trama:


“Lasciate che vi racconti una storia su mio nonno…” è la frase con cui Adam Kulakov, proprietario di una grande fabbrica di giocattoli a Melbourne, in Australia, ama aprire i suoi discorsi ufficiali. E pazienza se il suo stile di vita di seduttore e bugiardo incallito non ricalca propriamente i valori incarnati dal nobile patriarca. Sì, perché suo nonno Arkady - eroe scampato ai campi di sterminio nazisti, fondatore dell'impresa di famiglia e colonna della società - ha davvero una storia eccezionale alle spalle: quella di un uomo che, sprofondato nel male più assoluto, scopre la sua vocazione costruendo piccoli, rudimentali giocattoli per i bambini di Auschwitz, e così facendo trova la forza di non soccombere. Ma nulla è come sembra in questo romanzo fitto di ombre e di colpi di scena. Sconvolgente, spietato, appassionante, Il fabbricante di giocattoli è la storia di un segreto inconfessabile. Capace di tracciare, in un vertiginoso gioco di rimandi tra passato e presente, un ritratto senza sconti delle ipocrisie, delle contraddizioni delle calcolate amnesie così tipiche del nostro tempo.





In libreria dal 24 Gennaio


Trama:


Erano ormai migliaia i nomi scritti su sottili cartine da sigaretta. Una lista di oltre 2.000 nomi di bambini ebrei con accanto le identità false che li avrebbero salvati. Da quando i nazisti avevano creato il ghetto di Varsavia, Irena aveva convinto i loro genitori ad affidarglieli per nasconderli presso famiglie cattoliche o conventi in tutta la città e la campagna. A guerra finita l'archivio, come lo chiamava lei, sarebbe servito a restituire ai bambini la loro identità. Pochissime persone erano al corrente dell'esistenza di quelle liste, erano informazioni troppo pericolose da condividere. Il giorno in cui viene prelevata e condotta al quartier generale della Gestapo di Varsavia, Irena è terrorizzata. Nell'autunno del 1943, nella Polonia occupata dai nazisti, e forse in tutta Europa, non esisteva un posto più spaventoso di quello. Tutti sapevano cosa succedeva là dentro, e lei pregava di farcela a reggere alla tortura, di non tradire nessuno. Molte vite dipendevano da lei. I suoi compagni della rete clandestina, il suo amato Adam, anch'egli nella resistenza, tutti i polacchi che offrivano il loro aiuto. E soprattutto i bambini. Solo lei poteva decifrare quegli elenchi e se le fosse successo qualcosa, tutto sarebbe andato perduto. Mentre l'auto si avvicinava alla sua lugubre destinazione, Irena pensava che doveva farcela, l'aveva promesso a quei genitori che erano saliti sui treni per Treblinka con l'unico sollievo di aver messo in salvo i loro figli. Ancora non sapeva che solo quell'esercito di bambini indifesi e nascosti poteva salvarla.




In libreria dal 24 Gennaio


Trama:


Rita Feuerstahl ha solo vent’anni quando, nel 1935, si iscrive alla Facoltà di Legge di Cracovia, vuole la libertà, vuole l’amore, non presta attenzione ai venti di guerra che soffiano in tutta Europa. Sarà la Storia a trascinarla nel suo turbine. Rita dovrà adattarsi in fretta: fugge da una fabbrica dove gli ebrei sono costretti ai lavori forzati, adotta una falsa identità, entra sotto copertura nel cuore della Germania nazista, in possesso di un segreto che potrebbe mettere a repentaglio molte vite oltre la sua, oppure cambiare le sorti del conflitto. Nella storia di Rita, una donna coraggiosa mossa dall’istinto di sopravvivenza e dalla ricerca di un figlio che teme di aver perduto per sempre, rivivono le sorti di tante persone comuni, eroi per caso che la Storia non ricorda ma che nell’anonimato e nel dolore hanno fatto la Storia.








Quattro romanzi tutti diversi, 
quattro voci che si raccontano,
quattro storie per non dimenticare...







5 commenti:

  1. Ciao cara!
    Purtroppo come dici tu in questo periodo abbondano libri e film sulla giornata della memoria molti dei quali fatti uscire solo a scopo commerciale, ma questi libri che hai segnalato sembrano molto interessanti! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero Fede, sono piaciuti anche a me per questo ho voluto consigliarli.
      Poi credo che siano letture da poter affrontare anche in un qualsiasi altro momento dell'anno :)

      Elimina
  2. Complimenti per il lavoro di cernita. Dei titoli che paiono molto belli, da leggere anche in altri periodi dell'anno.
    Bacio, Stefi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Stefi! L'intento era proprio quello: consigliare qualcosa che affrontasse il tema ma che potesse essere letto in un qualsiasi momento!
      Bacio

      Elimina
  3. Selezione molto interessante e non banale. Mi incuriosisce molto Il Fabbricante di giocattoli.

    RispondiElimina