giovedì 11 febbraio 2016

Recensione 'Il profumo del pane alla lavanda' di Sarah Addison Allen


Buon giovedì lettori, oggi vi propongo un romanzo del quale ho sentito molto parlare e di una scrittrice tanto, tanto, amata. Tra l'altro ne approfitto per unirmi al coro di lettori che urlano a gran voce e si domandano perché, in Italia, siano stati pubblicati solo alcuni dei suoi romanzi. Io li sento ancora urlare dalla mia postazione! Per il momento me ne farò una ragione dato che mi sono imbattuta solo nel primo romanzo di questa fantastica scrittrice e ce ne sono altri ad attendermi.
Sì, avete capito bene, questo primo incontro ha fatto scoccare la scintilla, ha toccato le giuste corde del mio animo di lettrice per decidere di approfondirne la conoscenza.
"Il profumo del pane alla lavanda" di Sarah Addison Allen è un libro magico, ricco di sentimenti, inebriante, solare, profumato e, insomma, potrei continuare e continuare all'infinito. Quindi, se avete compreso il suo potere magnetico non vi resta che proseguire nella lettura!





Il profumo del pane alla lavanda
Sarah Addison Allen


Editore: Sonzogno - Genere: Contemporary Romance
Pagine: 283 - Prezzo: 9,90 € - eBook: 4,99€


Claire è una Waverley e conosce bene le magiche proprietà di frutti e fiori che crescono nel suo giardino. Dalla nonna, Claire ha ereditato la grande casa in cui vive sola e ricette preziose che possono cambiare il destino delle persone. I nasturzi inducono a mantenere i segreti, le bocche di leone spengono la passione e la lavanda... Tuttavia, la sua è una vita tranquilla. Almeno fino al giorno in cui la sorella Sidney, scappata di casa dieci anni prima, bussa inaspettatamente alla porta e fa vacillare il muro che Claire ha costruito attorno al proprio cuore.






Credo che la parola giusta per definire questo romanzo sia proprio inebriante. Sono qui che vorrei dare libero sfogo alle mie sensazioni post lettura ed avverto un profumo che sa di viola del pensiero, tulipani, fiordaliso, lavanda, nasturzio, caprifoglio, erba bagnata di rugiada, un profumo che sa di casa Waverley, una casa che è diventata anche la mia.
Siamo a Bascom, nel North Carolina, una cittadina molto particolare, abitata da famiglie fuori dal comune, ognuna con un tratto distintivo che le contraddistingue e le rende magiche all'occhio del lettore. Se pensate che questa sia una semplice storia sentimentale vi sbagliate di grosso perché l'elemento caratteristico, che fa da sfondo al tutto, è proprio la magia. Ed è in questo scenario alquanto fantastico che prendono piede le vicende delle nostre protagoniste, due sorelle con un cognome molto particolare: Claire e Sidney Waverley
Prima di proseguire nell'affascinante racconto, vorrei spiegarvi cosa intendo quando accosto la parola 'magia' a 'famiglie fuori dal comune'. Per fare un esempio pratico mi servo proprio delle Waverley e di tutte le credenze e dicerie che avvolgono in un alone di mistero la loro famiglia. Nel romanzo si dirà '...quando una Waverley è in giro, taci e apri bene le orecchie...' questo perché si tratta di donne davvero particolari, ognuna a suo modo. La lontana cugina Evanelle, ad esempio, è una vecchietta tanto gentile che ha sempre un bisogno impellente: donare oggetti a chiunque incontri senza saperne il motivo, è una cosa che sente e alla quale non può sottrarsi. La giovane protagonista Claire ha ereditato l'arte culinaria da sua nonna materna, cucina piatti prelibati che hanno finalità ben precise e, per farlo, si serve dei fiori, delle piante e dei frutti che crescono nel suo giardino. A quanto pare, però, l'unica a non aver ereditato alcun potere è la sorella minore Sidney. Lei rinnega la sua natura ed il suo cognome, si sente una diversa, additata dalla gente del luogo, ed è proprio per questo che quando decide di tornare a casa portandosi dietro una bambina di nome Bay, Claire, la sorella maggiore, non potrà credere ai propri occhi. 
Il rapporto tra le sorelle è molto particolare e la Allen riesce a descriverlo in maniera impeccabile, davvero. Se Claire ha accettato la propria natura, servendosi dei propri poteri per metterli al servizio del prossimo, è anche quella caratterialmente più schiva e chiusa, poco avvezza alle novità e ai cambiamenti che la vita le riserverà, primo tra tutti l'affascinante Tyler Hughes. Un uomo che per lei rappresenta un pericolo perché la destabilizza al punto tale da far venir meno quella sicurezza, quella padronanza di sé lungamente cercata e conquistata. Proverà in tutti i modi a far cambiare idea all'innamorato che pare resistere ai suoi poteri e a quello che si cela dietro i deliziosi manicaretti che preparerà per lui.
Dall'altra parte c'è Sidney, una giovane donna fuggita di casa ben dieci anni prima, una donna che senza saperlo ha emulato in tutto e per tutto sua madre, conducendo quello stesso stile di vita che aveva messo in pericolo lei tanti anni addietro e che ora investe alla stessa maniera sua figlia e la piccola Bay. Sarà proprio per amore della bambina che deciderà di tornare a Bascom, il luogo tanto odiato ma che racchiude il suo porto sicuro, la sua casa, la sua famiglia.
Le due sorelle dovranno mettersi in gioco, recuperare quel rapporto che non hanno mai posseduto, perdersi per poi ritrovarsi ed affrontare insieme le ombre del passato e i pericoli che la vita gli riserverà. Fare i conti con loro stesse, le loro paure (l'abbandono nel caso di Claire, la violenza per quanto riguarda Sidney), i loro sogni e, soprattutto il loro cuore.

"Io non sono capace d'impegnarmi in qualcosa di temporaneo."
"E allora non farlo. Convinciti che è per sempre. Perché può esserlo come non esserlo."
Claire prese un piccolo respiro profondo, come prima di un'iniezione. "Farà male."
"L'amore fa sempre male, e questo già lo sai", replicò Sidney. "Ma ne vale la pena. E questo non lo sai. Non ancora."


Con uno stile fresco, a tratti ironico, ed estremamente coinvolgente, la Allen riesce a creare una storia del tutto nuova, dove l'elemento magico si intesse alla classica narrazione senza mai sembrare una stonatura, tutt'altro. La magia è qualcosa di imprescindibile, così radicata nella vita dei personaggi e dell'ambiente, da far parte del bagaglio. Non ho mai pensato di scindere le due cose, per me, su Bascom, aleggia e continua ad aleggiare un alone di mistero tale da rendere il tutto un po' fiabesco.
Non vi sembrerà assolutamente strano che, nel giardino delle Waverley ci sia un melo che si prende gioco di tutti continuando a scagliare mele sui poveri malcapitati per renderli consapevoli della sua presenza, o ancora che la giovane Claire viva così a contatto con la natura da sembrare una fata dei boschi con quest'aura magica che la accompagnerà sempre. Ecco, vi è un connubio tra magia, natura e umani. Una piacevole novità che accompagna il lettore fino all'epilogo.
Ed è in questo scenario che si intrecciano le vite dei protagonisti e di tutto coloro che fanno parte della storia. Una storia ricca di sentimenti, di emozioni, di magia e di amore.
Con la sua semplicità, con il connubio tra storia e magia e con dei personaggi così ben delineati e caratterizzati, la Allen è riuscita a stregarmi.
E, come se tutto ciò già non bastasse, a conclusione della lettura, sono state inserite una serie di pagine che vanno sotto il nome di 'Ricettario delle Waverley' nelle quali vi vengono spiegati per filo e per segno gli ingredienti floreali utilizzati nelle ricette di Claire e il loro potere terapeutico (cosa che, da farmacista, ho molto apprezzato!).
"Il profumo del pane alla lavanda" è un romanzo da leggere tutto d'un fiato e che mi sento di consigliare a chiunque, soprattutto a chi ama le belle storie, ma con quel tocco in più che le rende speciali.






12 commenti:

  1. Anna. Davvero un'ottima recensione, che mi fa desiderare di leggere questo libro, la cui autrice non conoscevo..... Vedrò se riesco a trovarlo in biblioteca. Un ringraziamento ed una buona giornata a te. Ciao, Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marina, sono contenta che tu abbia scoperto un'autrice che ti incuriosisce e spero tanto che tu riesca a reperirlo perché ne vale davvero la pena! Buona serata :)

      Elimina
  2. Guarda non puoi capire ... cioè, aspetta, anche tu sei una lettrice accanita, quindi capisci benissimo: sono arrivata al punto che quando leggo recensioni, in mente mia prego "Fa che non mi piaccia, fa che non mi piaccia!". E invece leggo le prime righe di questo post e so già che è la fine.
    Appena riaprirò i battenti del mio blog dovrò cercare di mettere un po' d'ordine in WL. E siamo appena alla prima metà di febbraio!
    Comunque, disperazione a parte, è sempre bello essere partecipe dell'incanto di un libro che riesce a regalarti un po' di magia. E intanto aspetto di leggere il tuo pensiero su "Le sette sorelle". Ne ho già sentito parlare bene, ma credo che il tuo parere sarà decisivo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rosa tu mi fai sbellicare ogni volta perché io ti immagino fare quello che mi descrivi! Ad esempio già ti vedo che adocchi questa recensione e inizi a dire "Ti prego dimmi che Anna dirà questo libro fa schifo, non lo leggete!"
      A questo punto ti metto già in guardia per "Le sette sorelle", forse non dovresti neanche leggerla perché finirà sicuramente in WL! Un abbraccio :)

      Elimina
  3. Non conoscevo questo romanzo...penso che fà proprio il mio caso e lo segno in wishlist! Rosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosa, hai fatto benissimo e credo che ti sorprenderà! ;)

      Elimina
  4. Delizie culinarie, fiori, profumi inebrianti e magia...niente di più perfetto per me, voglio proprio leggerlo :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cuore! Credo che faccia al caso tuo e attendo di sapere cosa ne pensi una volta letto! Buona serata ;)

      Elimina
  5. Ciao Anna, hai scritto una bellissima recensione, che condivido parola per parola!!! La Allen mi ha catapultata in un mondo reale e allo stesso tempo pervaso di magia e ancora adesso, a distanza di anni, provo affetto per le waverley (e per il Melo, guest star assoluta!! ❤️)
    So che in America è uscito un sequel, attendo con ansia che arrivi anche da noi!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Melo is the best!! <3
      Comunque sono contenta che ti rispecchi in quello che ho scritto anche perché sapevo che avevi letto il romanzo ed ero curiosa di scoprire se ti ci fossi ritrovata :) Spero davvero che il sequel arrivi da noi anche se ho forti dubbi!

      Elimina
  6. Anna mi è piaciuto tantissimo la tua recensione, il modo in cui hai parlato di questo libro mi ha davvero coinvolta.. poi quando c'è un tocco di magia in una storia, non posso proprio resistere :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Federica, un romanzo sorprendente e coinvolgente, hai detto bene! Io l'ho letto in due giorni e l'ho riposto con un po' di dispiacere, smorzato solo dal fatto che ho altri romanzi della Allen da recuperare! ;)

      Elimina